Favaro Giovanni - La Guerra all'orizzonte

Vai ai contenuti
 

Soldato   Favaro Giovanni
40 anni.
Nato a Quinto di Treviso il 25 settembre 1877
Figlio di Giovanni Battista e Granello Angela

Macellaio.

Richiamato alle armi il 27 dicembre 1916 e arruolato nel 102° Battaglione della Milizia Territoriale.

Successivamente assegnato alla 31a Centuria Lavoratori.
Morto il 10 ottobre 1917 presso l'Ambulanza Chirurgica di Armata n. 1 a Mossa per ferite riportate durante il servizio sul fronte isontino.
Prima sepoltura nel cimitero di Mossa, tomba 493/A
Traslato nel Sacrario di Oslavia alla tomba 6099.



NOTE: Le Centurie Lavoratori erano reparti formati, a partire dal gennaio 1916, con i soldati della terza categoria della classe 1881, ed erano impiegati, di norma in retrovia o sulle linee arretrate, per la costruzione di strade, fortificazioni e di altri lavori come la preparazione di ordigni e manutenzione delle strutture e dei siti militari. Nei mesi successivi, il notevole incremento del numero delle Centurie Lavoratori portò ad impiegare nei loro organici uomini appartenenti a categorie e classi diverse da quelle anzidette, per quanto sempre provenienti dalle classi anziane e dalle terze categorie.
Sul finire del 1916, in aggiunta alle disposizioni emanate dal Ministero della Guerra per l'avvicendamento delle unità delle zone di guerra con quelle della zona territoriale, il Comando Supremo impartì disposizioni affinché alcuni battaglioni di Milizia Territoriale fossero riordinati con soli elementi delle classi 1878 - 1879 - 1880 e dotati dei mezzi necessari per poter essere impiegati, dopo conveniente periodo di addestramento, come unità di prima linea.
Per la sostituzione delle classi 1878-79-80 i Comandi d'Armata furono invitati a richiedere al Ministero della Guerra altrettanti uomini delle classi 1876-1877 pari a quanti assegnati ai battaglioni riordinati o da riordinare per il successivo invio in prima linea.
Con tali provvedimenti, il Comando Supremo, ebbe a disposizione altri 116 mila uomini delle classi 1876, 1877 che furono destinati alla formazione o al completamento di quei Battaglioni di Milizia Territoriale dai quali erano stati prelevati gli uomini trasferiti ai reparti di prima linea oppure alla successiva costituzione di nuove Centurie Lavoratori. L'iniziale assegnazione alla Milizia Territoriale di tutte le classi fu rivista, nel corso del primo trimestre del 1917, destinando le classi più anziane, alla costituzione di nuove Centurie Lavoratori.
I militari assegnati alle Centurie, operarono in tutti i fronti, sia nazionali che esteri, e, purtroppo non abbiamo potuto ancora rinvenire sufficienti informazioni per poter collocare Favaro Giovanni sullo scenario bellico se non al momento della sua morte avvenuta a Mossa, a ridosso del Podgora, a Ovest di Gorizia sul fronte isontino.

PRESENTE NEL MONUMENTO AI CADUTI
E A PAGINA 315 DELL'ALBO D'ORO DEI CADUTI DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE - VOLUME XXVI - VENETO

Torna ai contenuti